La corsa a sindaco di Totò Lentini, palermitano verace che sfida i professori: “Oggi serve un figlio del popolo” 

Il candidato autonomista, nato ad Altarello e cresciuto nella Dc mattarelliana, si presenta con Alleanza per Palermo. “Nel 2017 Orlando mi ha fatto una ‘rapina’, ora puntiamo al 15%. Faraone e Lomonte facciano squadra con noi”. Lagalla, Miceli e gli altri? “Nessuno sta sul territorio”. La ricetta per il Comune: “Certi servizi vanno privatizzati”.

La sua stanza, nel comitato elettorale di piazza Sturzo, è tappezzata con le fotografie dei “grandi” della Democrazia cristiana: don Luigi Sturzo, Alcide De Gasperi, Aldo Moro, Piersanti e Sergio Mattarella.

Lui, Salvatore Lentini – per tutti Totò – il mito dei politici della Prima Repubblica (quelli della sua Dc) ce l’ha ancora. E fa il paio con il suo essere verace, diretto, palermitano che più palermitano non si può.

Leggi l’articolo di Palermo today

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: